colore digitale blog

Il blog di Mauro Boscarol sulla gestione digitale del colore dal 1998

Nella serie Recensione monitor

Eizo ColorEdge CG247

file-c86f3bbcab249f8790

Parametro Valore
specifiche ufficiali ColorEdge CG247
disponibile da giugno 2014
prezzo circa € 1600
pannello LCD IPS (in-plane switching) WUXGA
max pixel base 1920 pixel
max pixel altezza 1200 pixel (1080 in HDMI)
rapporto di forma 16:10 (16:9 in HDMI)
area visibile base 518.4 mm
area visibile altezza 324 mm
diagonale 24 pollici, 611 mm
risoluzione pixel 94.1 pixel per in, 3.7 pixel per mm
dimensione pixel 0.27 mm
retroilluminazione LED
LUT interna 16 bit
porte video DVI-D, HDMI (per fotocamera), DisplayPort

 

Questo è un monitor di fascia alta adatto a professionisti fotografi, grafici, operatori di prestampa. Come tutti i monitor di questa fascia ha un costo abbastanza elevato, comunque inferiore a quello di un monitor analogo di 4 o 5 anni fa, e comunque equilibrato per le prestazioni che offre.

Come è ormai usuale per i monitor ColorEdge (cioè la fascia alta di monitor Eizo particolarmente adatti per la gestione del colore, quindi per grafica, fotografia, prepress) l’utente ha due possibilità: (a) usare il monitor in simulazione di un spazio RGB standard (sRGB, Adobe RGB) o personale (Custom, creato in OSD) o di qualche condizione di broadcast (EBU, Rec709, SMPTE-C, DCI):

IMG_0064

Oppure (b) usare il monitor come è, con i suoi primari RGB nativi, e allora va creato un profilo ICC individuale per il monitor che apparirà in OSD com CAL (CAL1 per DVI, CAL2 per DisplayPort, CAL3 per HDMI).

Il monitor viene fornito con un software proprietario di profilazione ColorNavigator ora alla versione 6, supportato da OS X Yosemite e Windows 8.1 e che può controllare la LUT interna (per la correzione gamma e la modifica del bianco).

ColorNavigator 6Snapz016

Su Mac ColorNavigator 6 installa un’icona nella barra delle applicazioni in basso e da lì si possono attivare i vari profili che vengono creati, e anche far partire e fermare l’applicazione. Se l’icona di ColorNavigator è azzurra significa che il monitor è profilato e il profilo non è scaduto, altrimenti l’icona è rossa:

TextEditSnapz001

ColorNavigator 6 supporta diversi strumenti di misura:

ColorNavigator 6Snapz017

Il primo elencato (CG247 Built-In) è un sensore (forse un colorimetro) integrato nella cornice inferiore del monitor, che si apre e si chiude automaticamente (Eizo lo chiama Built-In SelfCalibration Sensor).

IMG_0061

Può entrare in azione su comando o in tempi programmati, anche quando il computer è spento, e può creare il profilo del monitor.

ColorNavigator 6Snapz020

Se invece il profilo viene fatto con uno strumento di misura  tra quelli indicati sopra (da ColorMunki a i1Pro 2) si passa attraverso le solite fasi di calibrazione, caratterizzazione, profilazione e validazione come indicato passo per passo nel post Eizo ColorEdge CG242W – dati e procedure. I target di calibrazione già previsti (ognuno dei quali diventerà un profilo ICC) sono tre

ColorNavigator 6Snapz021

e sono regolati su questi parametri:

  PrintingPhotographyWeb design
BiancoLuminanza (cd/m2)8010080
Cromaticità (K)500055006500
Nerominimominimominimo
Gamma2.22.22.2
GamutnativonativosRGB
PrioritàBilanciamento grigioStandardstandard

In questo caso il sensore integrato serve per riportare la calibrazione su uno standard e può essere correlato con lo strumento di misura, che allora può essere usato per tutti i monitor ColorEdge dello studio.

Naturalmente la cosa migliore è usare un buon strumento di misura del colore (io ho lo spettrofotometro X-Rite i1Pro 2) per fare la prima calibrazione e profilazione del monitor, e correlare il sensore incorporato. Poi per un po’ di tempo (forse sei, sette mesi) si può usare solo l’autocalibrazione e magari una volta l’anno ricalibrare nuovamente il monitor con lo strumento.


Gamut

Per il gamut ora non ci sono più problemi: il gamut del monitor (qui sotto quello più esterno, variamente colorato) copre abbondantemente sia sRGB (qui sotto in bianco) che Adobe RGB (qui sotto in arancio, resta esclusa una piccola punta di verde). I diagrammi qui sotto sono in Lab.

ColorThink Pro 3.0.3Snapz002

ColorNavigator genera un profilo ICC versione 2.2 a matrice, da RGB a XYZ, con il tag vcgt (cioè correzione gamma nella scheda video) perfettamente neutrale, il che significa che la LUT della scheda video non viene utilizzata, e invece viene usata la LUT interna al monitor.


Emulazione (cioè soft proof)

ColorNavigator 6Snapz022

Questa funzione consente di usare il monitor come soft proof di una condizione di stampa (o di qualunque altra uscita). Il funzionamento dovrebbe essere così: i pixel RGB sono sul monitor, che ha un suo profilo (qui sopra è il target Printing, ma può essere un target e un profilo qualunque). I pixel RGB vengono convertiti nel profilo di emulazione con il motore di colore (CMM) e l’intento di rendering indicato. Da qui vengono riconvertiti al profilo del monitor (con colorimetro relativo o assoluto, questo non lo so).

Con ColorNavigator 6 (dalla versione 6.1.1) si può anche profilare un tablet. Sul tablet si apre un browser e si indirizza su un certo URL (nel mio caso 192.168.1.182:8080 che è l’application URL di ColorNavigator nel mio computer). Il profilo si può usare per creare una  emulazione su monitor di quello che esce sul tablet.

 

Visitato 2,477 volte, negli ultimi 7 giorni 1 visite

Torna all'indice di Recensione monitor

Mauro Boscarol

14/3/2015 alle 12:41

Parole chiave , , ,

Visitato 2,477 volte, negli ultimi 7 giorni 1 visite

2 commenti

Abbonati ai commenti a questo post con RSS

  1. mi è appena arrivato un monitor eizo CG 2420.
    aprendo la stessa immagine prima con il profilo Adobe RGB e poi con sRGB (profili di fabbrica) accade che il profilo Adobe RGB “pialla” le zone scure mentre il profilo sRGB mostra chiaramente le differenze quando i valori di RGB per fasce di nero adiacenti differiscono di pochi punti RGB. Vorrei chiedere il perchè, grazie

    Raffaele De Marinis

    24/3/18 alle 11:44

  2. Non saprei. Consiglio di porre la domanda al gruppo https://www.facebook.com/groups/colorcorrectioncampus

    Mauro Boscarol

    24/3/18 alle 22:53

Vuoi fare un commento a questo post?

Devi essere collegato per scrivere un commento.