colore digitale blog

Il blog di Mauro Boscarol sulla gestione digitale del colore dal 1997

Nella serie Norme e standard nelle arti grafiche

Profili ICC per la stampa offset

Nella stampa retinata, più inchiostri si usano e più ampio è il gamut di colori ottenibili. Il minimo numero di inchiostri è tre, perché lo spazio dei colori è tridimensionale. I tre inchiostri più opportuni (per ottenere un gamut ampio) hanno colori ciano (azzurro),  magenta (rosso) e  giallo. Tipicamente si aggiunge anche un inchiostro di colore nero per diversi motivi.

Un primo motivo è che gli inchiostri ciano, magenta e giallo non hanno proprietà riflettenti ideali e aggiungendo un inchiostro nero  è possibile ottenere un nero più scuro che con il 100% di CMY. Di conseguenza si possono produrre migliori dettagli neri e scuri. L’utilizzo dell’inchiostro nero amplia il gamut dei colori ottenibili in stampa verso i colori scuri. Per esempio, qui sotto a sinistra un tipico gamut offset con carta patinata con soli inchiostri C, M e Y (quindi senza inchiostro K, nero); a destra con inchiostri C, M, Y e K (cioè con il nero aggiunto).

Senza K Con K

Un secondo motivo è che l’utilizzo del nero serve a rendere meno critico il controllo di bilanciamento degli altri tre colori, cioè, come si dice, serve a stabilizzare l’asse dei grigi.

Un terzo motivo riguarda il fatto che che è opportuno, per evitare problemi di stampabilità, che il testo sia stampato con un unico inchiostro, tipicamente il nero appunto.

Altri  motivi sono:

  • sostituire gli inchiostri colorati (più costosi) con inchiostro nero (più economico);
  • diminuire la quantità di inchiostri che si sovrappongono (e che possono causare problemi di trapping, nel senso di accettazione o rifiuto).

Gran parte dei colori ottenibili in CMYK possono essere espressi con più di una combinazione CMYK. Per esempio un grigio può essere rappresentato con una combinazione di CMY oppure con una percentuale di K.

Quindi è necessario indicare come procedere alla composizione dei colori con il nero aggiunto, definendo i cosiddetti parametri del nero che comprendono: percentuale massima di K (≤ 100%), percentuale massima di CMYK (≤ 400%), punto di partenza per il nero, composizione cromatica (o generazione) del nero, che sono strettamente correlati tra di loro.


Total area coverage (TAC)

La somma delle percentuali di inchiostro di un singolo pixel può andare da 0% a 400%. Per esempio se C=70, M=0, Y=50, K=20, la somma è 140. La massima somma delle percentuali che è possibile stampare su un dato supporto è detta TAC (total area coverage) o anche TIL (total ink limit).

Per ogni supporto di stampa (tipicamente carta) esiste un valore massimo di TAC supportato da quel supporto (da quella carta). Per esempio la carta di quotidiano supporta una quantità totale di inchiostro attorno a 280%.


Generazione del nero

Il sistema convenzionale di conversione in quadricromia consiste nel convertire da RGB a CMY (e questo si può fare solo in un modo) e successivamente aggiungere inchiostro nero indicato con K.

La quantità di nero per ogni pixel viene calcolata a partire dalle quantità di ciano, magenta e giallo con metodi diversi indicati con i termini undercolor removal (UCR) e gray component replacement (GCR).

Inizialmente questi due termini indicavano cose diverse: UCR era la sostituzione del colore con nero nelle aree neutre mentre GCR operava anche nelle aree colorate. Tuttavia nel corso del tempo la distinzione tra i due termini si è persa. Oggi UCR è diventato un GCR “leggero” e gli esperti consigliano di non usare più due termini (UCR e GCR) ma uno solo (GCR) in varie gradazioni (leggero, medio, pesante). Si veda per esempio l’articolo Compensation by black (CB), a new separation?

Un GCR leggero consiste nel rimuovere uguali percentuali di CMY quando tali percentuali superano tutte un dato limite (black start, per esempio 50%) sostituendole con la stessa quantità di nero.

L’algoritmo dovrebbe essere questo: per ogni percentuale di grigio superiore al black start si controlla quali percentuali di CMY danno quella percentuale. Si toglie una certa quantità e si sostituisce con nero.

Per esempio se il black start è 50 e il pixel è C=75, M=67, Y=67, si può togliere una quantità qualunque tra 0 e 67% e sostituirla con nero.

Il nero comincia nei toni medi (black start) ed aumenta verso le ombre (black length). Quanto il nero entra nei colori è detto black width (se è narrow è solo nei grigi).


Profili ICC

Sulla base dei dati di caratterizzazione si costruiscono i profili ICC per le varie condizioni di stampa. Per la fase di costruzione dei profili ICC non ci sono regole codificate. Il principale organismo che crea profili ICC basati sullo standard ISO per offset piano e in bobina a caldo  e sulle caratterizzazioni Fogra è ECI. Per la stampa offset a freddo i profili sono pubblicati da IFRA.

Adobe fornisce, assieme alle applicazioni di grafica (Photoshop, Illustrator, InDesign, Acrobat) alcuni profili basati su dati di caratterizzazione Fogra. Altri profili sono realizzati da Chromix.


ECI (European Color Initiative)

I profili creati per la norma 2007 sono scaricabili gratuitamente dal sito ECI, e sono i seguenti:

  • ISO Coated v2 (ECI): basato sulla caratterizzazione Fogra 39, TAC 330%, black start 14%
  • ISO Coated v2 300% (ECI): come il precedente ma con TAC di 300%, black start 14%
  • ISO Web Coated: basato sulla caratterizzazione Fogra 28
  • ISO Uncoated: basato sulla caratterizzazione Fogra 29
  • ISO Uncoated Yellowish: basato sulla caratterizzazione Fogra 30

I nuovi profili per la norma 2013 creati da ECI sono i seguenti

  • PSO Coated v3 (secondo FOGRA 51) TAC 300%, black start 14%
  • PSO Uncoated v3 (secondo FOGRA 52) TAC 300%, 14%


Adobe

I profili Adobe sono compresi nelle applicazioni di Creative Suite (Photoshop, InDesign, Illustrator) e si possono anche scaricare dal sito Adobe. Sono i seguenti, basati sulle norme e caratterizzazioni indicate nel nome stesso:

  • Coated FOGRA 39 (ISO 12647-2:2004) TAC 330%, black start 22%
  • Web Coated FOGRA 28 (ISO 12647-2:2004) TAC 300%, black start 43%
  • Uncoated FOGRA 29 (ISO 12647-2:2004) TAC 300%, black start 42%

Adobe non ha ancora pubblicato i profili per la norma 2013.

 

Torna all'indice di Norme e standard nelle arti grafiche

Mauro Boscarol

27/12/2008 alle 13:33

Parole chiave , , , , , , , , ,

Visitato 16,995 volte, negli ultimi 7 giorni 15 visite

4 commenti

Abbonati ai commenti a questo post con RSS

  1. Salve, penso ci sia un piccolo refuso: il profilo ISO Coated v3 300%, non dovrebbe essere v2? Complimenti per il sito, una miniera di informazioni preziose.

    gius80

    10/11/09 alle 12:30

  2. Certo. Grazie per avermelo segnalato.

    Mauro Boscarol

    10/11/09 alle 20:46

  3. Volevo segnalare che il link all’articolo degli autori svedesi non funziona. Cordialmente.

    ML

    20/9/13 alle 09:59

  4. Adesso ho recuperato il link. Grazie per la segnalazione.

    Mauro Boscarol

    20/9/13 alle 12:15

Vuoi fare un commento a questo post?

Devi essere collegato per scrivere un commento.