colore digitale blog

Il blog di Mauro Boscarol sulla gestione digitale del colore dal 1998

Nella serie Introduzione alla gestione digitale del colore

Caratterizzare un monitor

Caratterizzare un monitor è  una cosa un po’ diversa da caratterizzare una fotocamera, perché il monitor è una periferica che produce colori, mentre la fotocamera è una periferica che cattura colori.

Questa è la struttura del procedimento. Si costruisce una tabella con a sinistra tutte le possibili combinazioni di valori RGB (da 0 0 0 a 255 255 255). Si tratta di 2563 combinazioni, cioè 16.777.216 combinazioni (è una tabella un po’ lunga). Per ognuna di queste combinazioni si visualizza il colore generato dalla terna corrispondente e si misurano le coordinate colorimetriche di questo colore. Le coordinate colorimetriche si scrivono a fianco di ogni terna RGB. Il risultato è una tabella di questo tipo:

Questa è la tabella di caratterizzazione di quel monitor. Come al solito, questo è il principio di costruzione, poi ci sono decine di dettagli pratici che qui non trattiamo ma che bisogna considerare.

Per esempio è impossibile creare veramente tutta la tabella perché bisognerebbe fare oltre 16 milioni di misurazione e, se fate i conti supponendo 1 misurazione al secondo, ci vorrebbero oltre sei mesi (24 ore al giorno, 7 giorni alla settimana). Per questo motivo si costruisce solo una parte limitata della tabella (per esempio un centinaio di righe) e poi si procede per interpolazione.

Nel prossimo post vediamo a cosa serve la caratterizzazione di un monitor.

 

Visitato 435 volte, negli ultimi 7 giorni 1 visite

Torna all'indice di Introduzione alla gestione digitale del colore

Mauro Boscarol

20/8/2008 alle 15:54

Parole chiave ,

Visitato 435 volte, negli ultimi 7 giorni 1 visite

Vuoi fare un commento a questo post?

Devi essere collegato per scrivere un commento.