colore digitale blog

Il blog di Mauro Boscarol sulla gestione digitale del colore dal 1997

Nella serie Il formato PDF

PDF: esportazione da ID CS3 CS4 CS5

Nell’esportare un documento in PDF, InDesign può effettuare una conversione di colore, che può essere scelta tra quelle disponibili. Le opzioni di conversione si trovano nel pannello Output della finestra di esportazione

Le opzioni di Color Conversion disponibili sono le seguenti:

  • no color conversion cioè durante l’esportazione non viene fatta nessuna conversione di colore;
  • convert to destination cioè durante l’esportazione tutti i colori vengono converti in un singolo profilo, detto appunto “di destinazione”;
  • convert to destination (preserve numbers) cioè durante l’esportazione alcuni colori vengono convertiti nel profilo di destinazione, altri non vengono convertiti (cioè i valori numerici vengono mantenuti).

Esportazione senza conversione

Con la prima opzione, cioè nessuna conversione, i colori vengono esportati in PDF nella modalità (RGB, CMYK, Lab) in cui sono, nello spazio in cui sono, e con i valori che hanno in InDesign.

Se si sceglie di mantenere i colori come sono, senza convertirli, è possibile selezionare uno di questi criteri di inclusione dei profili:

  • don’t include profiles (non includere i profili): nel PDF creato tutti gli oggetti grafici rimangono senza profilo;
  • include all profiles (includi tutti i profili): nel PDF creato, a tutti gli oggetti grafici viene assegnato il profilo a loro associato esplicitamente o implicitamente in InDesign;
  • includes tagged source profiles (includi i profili sorgente con tag, cioè assegnati esplicitamente): gli oggetti senza profilo in InDesign (tutta la grafica nativa e una parte della grafica importata) rimangono senza profilo anche nel PDF creato, a quelli con profilo (una parte della grafica importata) è assegnato lo stesso profilo nel PDF creato.
  • include all RGB and tagged source CMYK profiles (includi tutti i profili RGB e i profili CMYK origine con tag, cioè assegnati esplicitamente): per RGB è come include all profiles, per CMYK è come include tagged profiles; in altre parole nel PDF creato, a tutti gli oggetti RGB viene assegnato il profilo a loro associato (esplicitamente o implicitamente); agli oggetti CMYK con profilo viene assegnato lo stesso profilo, gli oggetti CMYK senza profilo rimangono senza profilo anche nel PDF creato.

Esportazione con conversione

Se si sceglie di convertire i colori, è necessario indicare un profilo di destinazione e decidere se includere o non includere tale profilo di destinazione nel PDF generato.

InDesign converte tutti gli oggetti, sia quelli nativi che quelli importati, al profilo scelto.

Esportazione con conversione parziale

C’è una terza possibilità: convertire i colori mantenendo alcuni valori numerici.

In tal caso si deve scegliere un profilo di destinazione (e indicare a InDesign se deve essere incorporato nel PDF). Questo profilo sarà di modalità RGB oppure CMYK.

InDesign converte tutti gli oggetti (nativi e incorporati). Gli oggetti che sono di modalità diversa da quella del profilo scelto vengono convertiti; per quanto riguarda gli oggetti della stessa modalità del profilo scelto, InDesign

  • converte quelli ai quali è stato assegnato esplicitamente un profilo (si tratta di grafica importata);
  • non converte quelli che non hanno un profilo assegnato esplicitamente (si tratta di grafica nativa oppure di grafica importata senza profilo).

Intento di rendering

Quale intento di rendering viene usato per la conversione? Bisogna ricordare che InDesign assegna ad ogni oggetto grafico un intento di rendering, che inizialmente è l’intento di rendering indicato in Color Settings. Con il comando Edit > Assign Profiles l’intento può essere specificato per le tre categorie: grafica nativa, grafica raster importata e trasparenza. Infine ad ogni singola grafica raster importata può essere associato un intento di rendering con il comando Object > Image Color Settings.

Dunque ogni oggetto grafico ha un intento di rendering associato, che viene usato per la conversione. L’opzioni di Black Point Compensation non viene invece associata alla singola immmagine (né in InDesign né in PDF). Se è attiva al momento dell’esportazione, viene utilizzata, altrimenti non viene utilizzata.

Torna all'indice di Il formato PDF

Mauro Boscarol

5/10/2008 alle 17:14

Parole chiave ,

Visitato 1,871 volte, negli ultimi 7 giorni 1 visite

3 commenti

Abbonati ai commenti a questo post con RSS

  1. Ciao,
    mi si è presentato un problema di stampa sulle trasparenze. A quanto pare creando il pdf e impostando la compatibilità con PDF 1.4 gli oggetti con trasparenze vengono stampati con uno sfondo pieno, mentre settando la compatibilità con PDF 1.3 il problema non risulta. Sai spiegarmi le differenze pratiche tra le due tipologie di compatibilità? Il problema non si presenta sempre, ma solo quando lavoro con alcuni stampatori.
    Grazie mille

    veronica

    9/10/09 alle 17:02

  2. PDF 1.3 non supporta le trasparenze “live”, PDF 1.4 è la prima versione che supporta le trasparenze “live”.

    Se hai una trasparenza “live” bisogna vedere se il sistema di prestampa dello stampatore la supporta e la “rende”.

    Mauro Boscarol

    10/10/09 alle 12:57

  3. ho un problema a un pantone a cui applico una trasparenza (in InD cs5). Esportando (in varie modalità con conversione trasp. in alta) mi evidenzia le aree interessate in stampa. come posso risolvere?

    Giuseppe Torrisi

    5/7/12 alle 12:56

Vuoi fare un commento a questo post?

Devi essere collegato per scrivere un commento.