colore digitale blog

Il blog di Mauro Boscarol sulla gestione digitale del colore dal 1997

Nella serie Colore in fotografia digitale

Caratterizzazione e conversione colorimetrica

Questo è l’ultimo passo della compensazione dei dati Raw. Scopo di questo passo è costruire una rappresentazione colorimetrica della scena, cioè descrivere la scena con coordinate colorimetriche.

Il primo passo è costruire la caratterizzazione del sensore: La caratterizzazione è una tabella (o una formula) che converte da numeri di fotocamera (numeri Raw) a coordinate colorimetriche (per esempio XYZ) oppure uno spazio RGB specificato colorimetricamente e lineare.

Il secondo passo è convertire uno spazio RGB a scelta dell’utente.


Caratterizzazione del sensore

La caratterizzazione del sensore spesso dipende dall’illuminante. Per illuminanti diversi dovrebbero essere fatte caratterizzazioni diverse, ma tipicamente due illuminanti della serie D (luce del giorno) si comportano nello stesso modo; la diversità è tra un illuminante D e un illuminante A, luce ad incandescenza. La caratterizzazione viene tipicamente fatta fotografando, sotto l’illuminante scelto, un target ColorChecker (ne esistono altri, ma questo  è il più usato).

Il target deve essere uniformemente illuminato. Le impostazioni della fotocamera (bilanciamento, profilo colore, ecc.) non intervengono. Interviene solo l’esposizione, cioè l’apertura e il tempo, e la sensibilità ISO. L’esposizione deve essere tale che la tacca bianca in basso a sinistra, non sia “bruciata”  in nessun canale.

Ora l’immagine viene demosaicizzata e bilanciata, e si registrano in una tabella i valori RGB lineari generati dalla fotocamera e i dati colorimetrici delle 24 tacche del ColorChecker. La tabella sarà qualcosa del genere:

In realtà non si usa quasi mai un profilo ICC per caratterizzare i dati della fotocamera riferiti alla scena. Infatti questi dati sono “lineari” e se la sensibilità dei sensori è simile a quella dell’occhio umano (o meglio dell’osservatore standard) una semplice matrice 3×3 è tutto quello che serve per trasformare i valori RGB di fotocamera nei valori XYZ. Questa è essenzialmente la caratterizzazione del sensore.

Ma per seguire il ragionamento si può pensare che la caratterizzazione della fotocamera sia proprio la tabella qui sopra.

La caratterizzazione riguarda il sensore con i suoi filtri e l’illuminante. Alcuni Raw converter (per esempio Camera Raw di Adobe) scelgono di caratterizzare il sensore sotto due illuminanti e quindi utilizzano due tabelle (o due matrici) di caratterizzazione.


Scelta dello spazio scene-referred

La destinazione della caratterizzazione è una scelta che il Raw converter fa una volta per tutte. Potrebbe trattarsi dello stesso spazio XYZ, oppure di Lab, oppure di uno spazio RGB a gamma 1. In quest’ultimo caso si utilizza uno spazio specifico, creato apposta per la rappresentazione di immagini scene-referred, come

  • RIMM RGB (noto anche come ProPhoto a gamma 1) progettato da Kodak (Camera Raw usa questo);
  • scRGB;
  • ISO RGB.

 

Conversione di colore

Infine i dati Raw di ogni singolo pixel vengono convertiti allo spazio di destinazione con la solita tecnica della conversione di colore.

I dati rimangono lineari ma ora sono espressi in modo device-independent, cioè non più con le coordinate del sensore, ma con coordinate indipendenti.

Maggiori dettagli nella pagina già citata di Alberto Maccaferri.

L’immagine è a questo punto codificata ancora in modo scene referred, cioè con coordinate indipendenti, ma ancora riferite alla scena. Il prossimo passo sarà codificare l’immagine sempre in coordinate indipendenti ma riferite al possibile output (monitor o stampante). Lo vediamo nella prossima pagina.

 

Torna all'indice di Colore in fotografia digitale

Mauro Boscarol

24/8/2008 alle 07:41

Parole chiave , , , , ,

Visitato 2,524 volte, negli ultimi 7 giorni 1 visite

6 commenti

Abbonati ai commenti a questo post con RSS

  1. Di fabbrica come si fa a conoscere qual’è la caratterizzazione della propria fotocamera?

  2. Si misura un ColorChecker.

    Mauro Boscarol

    7/6/11 alle 10:08

  3. ogni caratterizzazione dipende cmq dall’illuminante scelto. ora, quando converto i miei scatti raw, il sw raw che tipo di caratterizzazione utilizza?

  4. Quello impostato in fotocamera

    Mauro Boscarol

    9/6/11 alle 16:54

  5. E’ stato impostato di fabbrica? chiedo questo perchè faccio un pò confusione ancora tra il bilanciamento del bianco e la caratterizzazione (a n. rgb –> valori colorimetrici).

  6. direi quella impostata di fabbrica…

Vuoi fare un commento a questo post?

Devi essere collegato per scrivere un commento.