colore digitale blog

Il blog di Mauro Boscarol sulla gestione digitale del colore dal 1997

Nella serie Miti, leggende, equivoci sul colore e dintorni

Una immagine RGB cambia aspetto quando viene convertita in CMYK

Commento breve
Non è detto, può essere, può non essere.

Commento lungo
Ricevo una mail che inizia così:

“… ho realizzato una copertina e relativo artwork per un cd musicale, l’ho realizzato in rgb,
e ovviamente quando lo converto in cmyk, il risultato è chiaramente diverso …”

L’avverbio “ovviamente” nasconde uno dei tanti e falsi miti che sono sorti sulla gestione del colore.

Non è vero che una immagine (o un lavoro) RGB necessariamente cambi aspetto, cioè cambi (alcuni o tutti) i colori quando viene convertita in CMYK. Dipende dal gamut dell’immagine RGB e dal gamut di destinazione CMYK.

Se una parte del gamut dell’immagine (o del lavoro) RGB esce dal gamut di destinazione CMYK, i colori fuori gamut verranno certamente diversi da quelli originali. Ma se il gamut dell’immagine è tutto compreso nel gamut CMYK di destinazione, i colori verranno uguali identici, se si usa l’intento di rendering corretto, cioè il colorimetrico.

Torna all'indice di Miti, leggende, equivoci sul colore e dintorni

Mauro Boscarol

15/4/2009 alle 15:54

Parole chiave , ,

Visitato 2,324 volte, negli ultimi 7 giorni 1 visite

2 commenti

Abbonati ai commenti a questo post con RSS

  1. Per illustrare lo stesso concetto in un modo lievemente diverso, esiste il *gamut del profilo* assegnato all’immagine, ma poi, all’interno di quel gamut del profilo, esiste il *gamut dell’immagine* stessa, che nella stragrande maggioranza dei casi copre *solo una porzione* del gamut disponibile all’interno del profilo.

    Se il gamut del profilo è più grande del gamut della destinazione CMYK, ma il gamut dell’immagine stessa non esce al di fuori del gamut della destinazione, in quel caso la disparità fra gamut del profilo e gamut della destinazione è irrilevante.

    Marco Ugolini

    25/4/09 alle 04:34

  2. Ribatto che, come dice Mauro, quando il gamut dell’immagine è compreso nel gamut della destinazione CMYK, si dovrebbe usare l’intento relativo colorimetrico (Relative Colorimetric) per mantenere inalterati i colori.

    Se si usa l’intento “Perceptual”, anche se i colori nell’immagine sono “in gamut” per la destinazione, verranno ugualmente compressi e cambiati.

    Marco Ugolini

    25/4/09 alle 04:43

Vuoi fare un commento a questo post?

Devi essere collegato per scrivere un commento.