colore digitale blog

Il blog di Mauro Boscarol sulla gestione digitale del colore dal 1998

Nella serie Gestione colore secondo ICC

Testata del profilo

I profili ICC, intesi come file, sono multipiattaforma: vengono creati con appositi programmi, su Mac OS o su Windows, e possono essere utilizzati indifferentemente su ogni piattaforma.

Qui mi riferisco all’anatomia di un profilo versione 2.4 (l’ultima versione minore della versione maggiore 2).

Dal punto di vista della struttura dei dati, il file di un profilo ICC è composto da una testata (header) e da numerosi tag che specificano le informazioni sullo spazio colore della periferica.

La testata (header) di un profilo ICC versione 2 contiene informazioni di tipo generale. Qui sotto lo screen shot delle informazioni di testata del profilo Adobe RGB fatta con ColorThink di Chromix, una utility disponibile sia per Mac che per Win e con Apple ColorSync Utility (in questa schermata prima appaiono i tag e poi la testata). Un’altra utility che può essere usata per esaminare un profilo ICC è X-Rite ColorShop.

Le informazioni di testata in un profilo ICC v2 sono le seguenti.


DIMENSIONE (profile size)

La dimensione in byte del profilo; per esempio il profilo Adobe RGB ha una dimensione di 560 byte (pochi byte perché si tratta di un profilo a matrice) mentre il profilo Euroscale coated è di 557164 byte (mille volte più grande perché si tratta di un profilo a tabella).


CMM preferito
(CMM type)

È il CMM di default del profilo, indicato con una sigla, registrata presso ICC; per esempio ‘appl’ è il CMM di default di ColorSync (Apple CMM da ColorSync 3, Heidelberg CMM in ColorSync 2.0-2.61), ‘ADBE’ è il CMM di Adobe.

Questo è il motore di colore che viene usato quando, nel corso di una conversione di colore, non viene indicato uno specifico motore di colore.


VERSIONE
(profile version number)

Indica a quali specifiche ICC il profilo è conforme; è specificata con tre numeri (versione maggiore, minore e bugfix). Per esempio nel caso di Adobe RGB la versione maggiore è 2 e la minore con bugfix è 1.0. La versione attuale dei profili ICC è 4.2.0.


CLASSE (
profile/device class)

È la classe del profilo; ICC definisce sette classi di profili, indicate da queste signature:

  • scnr: profilo di una periferica di input (scanner, fotocamera);
  • mntr: profilo di un display (monitor);
  • prtr: profilo di una periferica di output (stampante, macchina da stampa);
  • link: profilo speciale device link;
  • spac: profilo speciale color space;
  • abst: profilo speciale abstract;
  • nmcl: profilo speciale named color.


SPAZIO (
color space)

Modalità di colore di periferica; sono specificate numerose (25) possibilità, tra le quali RGB, CMYK, CMY, scala di grigi, XYZ, Yxy, Lab, Luv, YCbCr.


PCS (
Profile Connection Space)

Lo spazio colorimetrico di riferimento; può essere Lab o XYZ.


ILLUMINANTE DEL PCS (
PCS illuminant)

L’illuminante del PCS è fisso sulle coordinate colorimetriche

X = 0.9642, Y = 1.0000, Z = 0.8249

che sono quelle dell’illuminante D50. Tutti i profili ICC fanno obbligatoriamente riferimento a questo illuminante. Ciò significa che il profilo deve dare i valori in Lab D50, oppure XYZ con bianco D50. Anche se è compreso nell’header, e quindi in teoria le coordinate sono variabili e possono essere impostate su qualunque valore, per ora non è prevista la possibilità di avere un illuminante del PCS diverso da D50 e dunque le specifiche ICC consentono solo di inserire le coordinate di questo illuminante. Qui sotto, per informazione e confronto, le coordinate di tre illuminanti standard CIE.

X Y Z x y
D50 0,9642 1 0,8249 0,3457 0,3585
D65 0,9504 1 1,0889 0,3127 0,3290
A 1,0985 1 0,3558 0,4476 0,4074


INTENTO DI RENDERING (
rendering intent)

L’intento di rendering di default, indicato con una cifra:

  • 0: percettivo (perceptual);
  • 1: colorimetrico (relative colorimetric);
  • 2: saturazione (saturation);
  • 3: colorimetrico assoluto (absolute colorimetric).

Si tratta dell’intento di rendering che viene utilizzato durante una conversione di colore, se non ne viene esplicitamente indicato uno, oppure se quello indicato non è disponibile.

 

Visitato 78 volte, negli ultimi 7 giorni 1 visite

Torna all'indice di Gestione colore secondo ICC

Mauro Boscarol

4/9/2008 alle 18:29

Parole chiave , ,

Visitato 78 volte, negli ultimi 7 giorni 1 visite

Vuoi fare un commento a questo post?

Devi essere collegato per scrivere un commento.