colore digitale blog

Il blog di Mauro Boscarol sulla gestione digitale del colore dal 1997

Nella serie Camera Raw e Lightroom

ACR e Lr: sharpening

Sharp, come aggettivo riferito ad una immagine digitale, è difficilmente traducibile in italiano. Se fosse un coltello si direbbe “affilato”, se fosse una matita si direbbe “appuntita”, se fosse il vento si direbbe “pungente”, se fosse un angolo si direbbe “acuto”.

Ma se è una immagine digitale (come infatti è) sharpening si potrebbe tradurre “mettere a fuoco”, “contrastare”, “aumentare l’acutanza” (vedi commenti in fondo) o “rendere più nitida” (e infatti nella versione italiana di ACR è stato tradotto “nitidezza”).

Bruce Fraser distingue tre tipi di sharpening, che vanno (eventualmente) applicati in tre fasi diverse:

  • capture sharpening in fase di cattura dell’immagine;
  • creative sharpening per effetti soggettivi;
  • output sharpening in fase di uscita su monitor o in stampa.


Capture sharpening

Capture sharpening (dalla versione 4.1 di ACR e 1.1 di Lr) è controllato dal pannello Detail; è abilitato di default con quantità 25 (quantità 0 significa “disabilitato”) e viene applicato all’immagine in risoluzione nativa (a sinistra ACR, a destra Lr):


Creative sharpening

Creative sharpening si controlla con le regolazioni locali, solo dalla versione 5.2 di ACR e 2 di Lr, e viene applicato all’immagine in risoluzione nativa con un apposito pennello (qui sotto è il cursore Sharpness, a sinistra in ACR, a destra in Lr):


Output sharpening

Output sharpening si controlla con le opzioni di workflow (da ACR 5.2) e di esportazione e stampa (da Lr 2); per default è disabilitato e viene applicato all’immagine alla risoluzione di output.

Dalla versione 5.2 di Camera Raw, nelle opzioni di workflow c’è la possibilità di attivare un output sharpening personalizzabile per lo schermo, carta glossy (lucida) o carta matte (opaca) in tre quantità (lowstandardhigh). Questo sharpening dipende dalla risoluzione impostata (qui sotto è 240 ppi).

Camera RAW
Camera Raw 5.2

Ha senso applicare un output sharpening per lo schermo se  si pensa che l’immagine sia stata completamente lavorata e terminata in Camera Raw. Se invece si ha intenzione di lavorarla in Photoshop (anche semplicemente cambiando la risoluzione o ridimensionando l’immagine) lo sharpening non andrebbe applicato.

Per quanto riguarda il ricampionamento: il sottocampionamento usa un algoritmo uguale o simile a bicubic sharper. Il sovracampionamento è composto  di bicubicbicubic smoother (la parte smoother è tanto più presente quanto maggiore è il sovracampionamento).

Lightroom esportazione
Lightroom 2.1

Lightroom stampa
Lightroom 2.1

L’algoritmo di output sharpening è stato scritto in collaborazione con PixelGenius. Maggiori informazioni sugli algoritmi di sharpening nel libro Image Sharpening with Adobe Photoshop CS2 di Bruce Fraser.

Dalla versione ACR 4 le preferenze di default contengono anche il valore di sharpening. Nelle versioni precedenti lo sharpening viene applicato solo al preview.

 

Torna all'indice di Camera Raw e Lightroom

Mauro Boscarol

9/12/2008 alle 16:02

Parole chiave , , , ,

Visitato 2,110 volte, negli ultimi 7 giorni 1 visite

3 commenti

Abbonati ai commenti a questo post con RSS

  1. È vero che nei menù di photoshop il filtro Sharpen viene tradotto con Contrasta, ma parlando di sharpening non sarebbe corretto dire, in italiano, aumentare l’acutanza di un immagine?
    Si usava questo termine parlando di bagni di sviluppo per film BN che aumentavano la capacità della pellicola di rendere i contorni degli oggetti attraverso l’effetto adiacenza.
    Bagni ad alta acutanza, appunto.

    Il termine contrastare mi fa più pensare al local contrast enhancement che si attua in photoshop con la maschera di contrasto assegnando una bassa percentuale al valore “Fattore” ed un valore molto alto al “Raggio”, mantenendo di solito la “Soglia” a 0.
    In Lr l’equivalente dovrebbe essere il comando “Clarity”.

    Alfredo Pagliano

    11/12/08 alle 23:52

  2. Vedo sul dizionario tecnico-scientifico McGraw-Hill che “acutanza” è la traduzione italiana di detail in grafica.

    E infatti il pannello che contiene la maschera di contrasto in ACR, nella versione inglese, è chiamato Detail (e in italiano l’hanno tradotto Dettagli).

    Quindi mi pare che il termine sarebbe corretto, ma non è entrato nella pratica digitale. L’ho comunque scritto all’inizio del post, come possibile traduzione. Grazie.

    Mauro Boscarol

    12/12/08 alle 00:40

  3. Per chi interessa è uscito il nuovo “Real World Image Sharpening with Adobe Photoshop, Camera Raw, and Lightroom (2nd Edition)” di Bruce Fraser & Jeff Schewe che tratta tutte le tematiche inerenti lo sharpening. (attualmente in offerta su Amazon.com)

    Marco

    MN

    22/9/09 alle 15:19

Vuoi fare un commento a questo post?

Devi essere collegato per scrivere un commento.