colore digitale blog

Il blog di Mauro Boscarol sulla gestione digitale del colore dal 1997

Nella serie Domande frequenti su grafica e colore

Quale intento di rendering è meglio usare?


Risposta breve

Non c’è una regola fissa. Il migliore intento di rendering da usare in una conversione colore dipende dai colori dell’immagine e dalla periferica (monitor, stampante) di destinazione.


Risposta lunga

Ogni immagine ha determinati colori (gamut dell’immagine) e ogni periferica può riprodurre determinati colori (gamut della periferica).

Se tutti (o quasi tutti) i colori dell’immagine sono compresi nel gamut della periferica, il miglior intento di rendering è il colorimetrico relativo. Infatti questo intento di rendering riproduce esattamente i colori in gamut e approssima quelli fuori gamut. Ma in questo caso quelli fuori gamut non ci sono, o sono pochi, dunque la riproduzione è esatta.

Il colorimetrico relativo riproduce il bianco di origine con il bianco di destinazione, simulando il comportamento dell’occhio.

Se invece molti colori sono fuori gamut, il colorimetro non è adeguato e conviene usare un intento percettivo o saturazione.

A questo punto però la domanda diventa: (a) come faccio a conoscere i colori di una immagine e (b) come faccio a controllare sono contenuti nel gamut di una periferica?

Per conoscere i colori di una immagine il procedimento con ColorThink è in questo post. Per vedere se i colori stanno all’interno di un gamut e come si comportano gli intenti di rendering il procedimento è in questo post.

C’è però una risposta più semplice, se l’applicazione supporta la soft proof (come per esempio Photoshop). La soft proof consente di vedere come verrà l’immagine con i vari intenti di rendering, dunque si provano tutti e si sceglie quello che si preferisce.

 

Torna all'indice di Domande frequenti su grafica e colore

Mauro Boscarol

6/5/2009 alle 14:36

Parole chiave

Visitato 8,564 volte, negli ultimi 7 giorni 19 visite

3 commenti

Abbonati ai commenti a questo post con RSS

  1. Per evidenziare le zone dell’immagine fuori gamma in PS si può usare il comando “Avvertimento gamma” dopo aver attivato la soft proof.

    Si dice che il comando non sia basato sui profili ICC, ma su qualche altro algoritmo proprietario.

    Si sa come funziona, ma soprattutto quanto è affidabile?

    Grazie
    Marco

    MN

    6/5/09 alle 16:18

  2. Mi dispiace ma non so rispondere perché non ho mai fatto uno studio approfondito su quel comando.

    Mauro Boscarol

    6/5/09 alle 20:32

  3. Adesso ho un post sull’avvertimento gamma:
    Ps: avvertimento gamma (Gamut Warning)

    Mauro Boscarol

    16/11/14 alle 15:43

Vuoi fare un commento a questo post?

Devi essere collegato per scrivere un commento.